Aneddoti e riflessioni nel quotidiano mio e del mio alter ego a:

Revolutionäre Gedanken und Design Innovationen
Schöneberger Straße 5
10963 Berlin

Eravamo , ora siamo qui.
I trasferimenti comportano scatoloni e disordine, ma anche nuove idee.

Wake up!
.Dubh.'s photos See .Dubh.'s photos!

Un gradito omaggio dal caro Tato

Un altro omaggio, sempre dal Tato

So stay awake
Why the hell should I stay awake?

I looked your wall
Saw that old passport photograph
I look like I've just jumped the Berlin Wall
Berlin I love you
I'm starting to fade...

The one who follows me

Bad Chic People
Albert Speer
A Chic wishlist
Cuffiette nuove per l'iPod
L' insalatiera trasparente Ikea
Lo spremiagrumi di P. Starck



Creative Commons License
Questo blog è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. Non credo serva a molto e dubito che a qualcuno interessi scopiazzare i miei posts, ma non si sa mai, c'è gente strana in giro.

Wishlist su Froogle, se vuoi farmi un regalo...





Questo è un Urban Blog!
Genova / Genoa / Italy


Blogarama - The Blog Directory
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

Locations of visitors to this page
Vuoi regalarmi qualche spicciolo perchè possa mantenere i domini dei miei siti con più serenità? Vuoi che la mia gatta abbia le pappe migliori sul mercato? Vuoi che la mia cultura non si fermi e che possa comprare tanti libri da tenere e consultare?
Clicca qui sotto, te ne sarò grata!
Content © Dubh

lundi, mars 06, 2006

Del riarredare una casa (vademecum)

Quando si vuole riarredare la propria casa è incredibile quanto si alzi la soglia di stress, perchè ci sono dei punti ben precisi da tenere a mente ma non sempre è facile evitare qualche tranello dell'immaginazione:

-Non buttare via tutto: a parte non potersi permettere di ricomprare ogni mobile e oggetto alcune cose, rivalorizzate nel modo giusto, sembrano nuove
-Evitare di tenere tutto: alcune cose sono obsolete, tendenti al marcio o sbeccate. E' tempo di cambiare. Aria!
-Basta poco: su uno sfondo base una sala diventa diversa cambiando colore dei cuscini e coperte del divano, del tappeto o delle tende. Provare per credere: noi avevamo una sala con colori tenui e un po' scialbi, abbiamo inserito dei tessuti rosso scuro e la sala è completamente cambiata
-Osare: questo punto si collega al precedente. Chi è abituato, per non esagerare, a distribuire solo colori base e tenui alla fine diventa tenue egli stesso. Aggiungete un po' di colore!
Noi stiamo facendo la cucina bianca e arancione con oggetti trasparenti e metallici, metteremo un bancone effetto alluminio e lo stile sarà lounge bar, con pareti vestite di locandine vintage. Non abbiamo intenzione di comprare nessun pensile ma anzi, ne abbiamo già disfatti due. Prima la cucina era sul blu scuro e noce (solo di tinta) con mobili alti, il tavolo era classico anni '70, alle pareti avevamo piatti veneziani sempre risalenti agli anni '70 e quadretti sparsi a caso. Ora si respira.

-Sfogliare delle riviste di arredamento: io ne ho lette negli ultimi tempi tantissime, credo di aver sfogliato tutte le testate presenti in Italia (e all'estero quelle distribuite). Alla fine, tra pile di riviste, torno sempre su Casaviva e sul catalogo Ikea.

Casaviva, a dispetto del nome che attira sicuramente casalinghe tristi e sognanti, è un'ottima rivista che propone soluzioni e idee a portata di mano. Peccato la pubblicità incombente, ma quella è onnipresente in tutte le riviste del genere, spesso anche la medesima.

Il catalogo Ikea è un must per chi come me ama le linee pulite, moderne, un po' minimaliste ma non esagerate. Inoltre le foto dimostrano disposizioni decenti, con inserti di vita vissuta. Non esistono case abitate del genere identiche, ma almeno si sforzano di inserire umani (anche belli, a volte), gatti, appunti scarabocchiati, colazioni lasciate a metà...
Nelle altre riviste tutto è lucido, freddo e disabitato, anche le case bellissime che dovrebbero essere di famosi progettisti spagnoli...(mi riferisco alla casa barcellonese di Pepe Cortes)

-Usare vecchi oggetti o mobili per altri scopi: per non buttare via tutto si può pensare di utilizzarli in modi diversi. Le doghe in legno di un vecchio letto ridipinte e tagliate in modo diverso diventano un appendino interessante, ad esempio...
-Come diceva sempre il vecchio Speer : "qui ci vuole luce, togliamo questi addobbi inutili".
Occhio quindi ai mobili alti, ai colori scuri e alla "disposizione corridoio" dove non è necessaria.
-Risparmiare: devo dire che dopo aver girato tanti mobilifici alla fine Ikea è il migliore per i prezzi e per lo stile. La soluzione ideale è trovare mobili base economici e poi valorizzarli con pochi oggetti di alto livello. In giro, soprattutto nel centro storico, ci sono dei negozi interessanti per l'oggettistica (anelo un tavolino stile Zanotta e prima o poi l'avrò, così come lo spremiagrumi di Starck).
E poi, anche se ve lo potete permettere vorreste spendere 3.950 euro per la libreria Shelf X di B&B Italia, 131 x 145h?
Sì?
Allora fuori da questo blog. O regalatemela.

Comments on "Del riarredare una casa (vademecum)"

 

Anonymous Varg said ... (1:41 AM) : 

Gavçon, un puzza sotto il naso ben shakevato, gvazie.

 

Blogger F. Paventi said ... (11:14 AM) : 

3.950 Euro per6 pezzi di plastica o vetro trasparente?
Forse dovevo fare l'interior designer...

 

Anonymous Cla said ... (2:04 AM) : 

Io il tavolino zanotta non te lo regalo, costa un capitale!!!!!!!!!!!!!! :P

 

Anonymous Nunziogiordano said ... (9:57 AM) : 

Non me ne parlareeee...sto traslocando!!!

 

Anonymous Anonyme said ... (8:54 PM) : 

What a great site
»

 

Anonymous Anonyme said ... (1:10 AM) : 

Enjoyed a lot!
Order accutane sales Rollin 27 on jogging stroller Ativan and ativan Paris hilton driving Checklist incorporating Paris hilton quicktime

 

Anonymous Anonyme said ... (3:15 AM) : 

wakeupagain.blogspot.com is very informative. The article is very professionally written. I enjoy reading wakeupagain.blogspot.com every day.
online payday loan
payday loans

 

post a comment