Aneddoti e riflessioni nel quotidiano mio e del mio alter ego a:

Revolutionäre Gedanken und Design Innovationen
Schöneberger Straße 5
10963 Berlin

Eravamo , ora siamo qui.
I trasferimenti comportano scatoloni e disordine, ma anche nuove idee.

Wake up!
.Dubh.'s photos See .Dubh.'s photos!

Un gradito omaggio dal caro Tato

Un altro omaggio, sempre dal Tato

So stay awake
Why the hell should I stay awake?

I looked your wall
Saw that old passport photograph
I look like I've just jumped the Berlin Wall
Berlin I love you
I'm starting to fade...

The one who follows me

Bad Chic People
Albert Speer
A Chic wishlist
Cuffiette nuove per l'iPod
L' insalatiera trasparente Ikea
Lo spremiagrumi di P. Starck



Creative Commons License
Questo blog è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. Non credo serva a molto e dubito che a qualcuno interessi scopiazzare i miei posts, ma non si sa mai, c'è gente strana in giro.

Wishlist su Froogle, se vuoi farmi un regalo...





Questo è un Urban Blog!
Genova / Genoa / Italy


Blogarama - The Blog Directory
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

Locations of visitors to this page
Vuoi regalarmi qualche spicciolo perchè possa mantenere i domini dei miei siti con più serenità? Vuoi che la mia gatta abbia le pappe migliori sul mercato? Vuoi che la mia cultura non si fermi e che possa comprare tanti libri da tenere e consultare?
Clicca qui sotto, te ne sarò grata!
Content © Dubh

mardi, mars 07, 2006

Come ti spiego Speer (I puntata)

Ovvero: come si fa il riassunto di una lettura su un messenger.
(Si ringrazia per la presenza Varg)










Varg:
Signorina Rattini
Mi parli della biografia di Speer
Dubh:
Oh dunque
Speer nasce in una famiglia borghese, da padre liberale e madre delusa da un trasferimento di città, poichè voleva continuare ad abitare a Magonza, così si dà alla vita di società.
Si atteggia da frivola e si dedica poco ad Albert, il quale cresce svogliato, apatico, poco incline agli studi.
Il padre è architetto, così, una volta capito che il figlio da solo avrebbe fatto poco, lo introduce al mondo dell'architettura e lo spedisce all'università berlinese dal professor Tessenow,
il quale vuole insegnare i tratti puliti e moderni di una nuova architettura, senza fronzoli.
Speer lo adora, e diventa a 23 anni suo assistente.
(Mi ricordassi così bene le cose che devo studiare...)
Varg:
Vada avanti
Dubh:
Durante il periodo universitario assiste per caso ad un comizio di Hitler e ne rimane folgorato
Varg:
(Si concentri)
Dubh:
E' importante dire che prima di allora Speer, anche se in Germania incalzava il nazionalsocialismo, se n'era sempre infischiato della politica, tanto che alcuni suoi compagni di corso lo trovavano altezzoso e distaccato.
Dopo il comizio invece, durante il quale vide un Hitler dapprima quasi imbarazzato per poi esplodere in una folgore dialettica quasi erotica, esce e vaga da solo per le strade, sconvolto.
E così...
E così...
Varg:
Che fa?
Dubh:
...
Ah sì
Si iscrive al partito, ma dirà "Non mi iscrivo al partito nazionalsocialista: mi iscrivo al partito di Adolf Hitler"
E giù applausi
(No, quelli no)
Varg:
Bene bene
Dubh:
Un dì, tra le varie conoscenze, Goebbels lo nota, e da lì inizia la gran carriera
Inizia a rimettere a posto le case di alcuni pezzi grossi, soprattutto quelle in campagna, che lui troverà appesantite, piene di cose inutili
Ma il momento clou sarà quando rinnoverà completamente la sede del partito, poichè gli sembrava un luogo non adatto ad un personaggio del calibro di Adolf
Dirà che quel luogo sembrava adatto ad un impiegato
Varg:
:D
Dubh:
Poi finalmente un giorno assiste quasi per caso al progetto per la radunata oceanica del primo maggio '33
così dice: "signori, qui le cose io le farei così e cosà"
e loro gli danno retta, dando il via ad una delle più impressionanti radunate mai viste.
Albert diventerà uno dei padri delle cattedrali di luce
Ma lui, furbo, le fece per non far vedere, a quel tipo di luce/ombra serale, la corpulenza dei militari e simili, troppo opulenti
Varg:
Siamo sicuri di questo?
Dubh:
Così dice il libro
O meglio:
non le cattedrali di luce
Varg:
A me sa tanto di stronzata buonista
Dubh:
Spiegò che era meglio farle verso sera, queste radunate, sia per quello che per creare maggiore impatto
Varg:
Ok, poi?
Dubh:
Poi si arriva al punto più bello: l'affezione di Hitler
Sapendo delle aspirazioni artistiche mediocri di Adolf i due iniziano a frequentarsi assiduamente, inizialmente per discutere i progetti, poi Speer entra definitivamente nella Adolf's cricca.
Passano molto tempo insieme, e anche quando Adolf non ha tempo per gli altri per lui lo trova sempre...
Sognano grandi cose, sdraiati sull'erba in montagna.
Che scena romantica.
:D
Varg:
:D
Dubh:
Naturalmente Speer ha avuto la botta di fortuna: la morte dell'architetto ufficiale di Hitler, Troost
Lì definitivamente è diventato il boss.
Poi che altro dire... diventava taciturno quando si parlava di cose brutte o si usavano mezzi bruti, però rimase molto attaccato a Adolf
Ed era l'unico al quale Adolf desse sempre ragione
Quando si dava a scenate isteriche Speer non era mai il soggetto di tali scenate, ma anzi, aveva un potere sedativo

Fine.

Comments on "Come ti spiego Speer (I puntata)"

 

Anonymous Cla said ... (1:09 AM) : 

Cavoli, sembra il BLOG di Speer :P
Poi mi impresti il libro, vero? Sono curiosa!

xoxo
C

 

Anonymous zio Gil said ... (12:11 PM) : 

Ma questo tenerone poi che fine ha fatto? (Lo chiedo a te e non alla Wikipedia perché tu mi mandi gli sms cariiini)

 

Anonymous Germanynews said ... (7:44 PM) : 

Benvenuto in Tocque-Ville

 

Anonymous Anonyme said ... (7:28 PM) : 

Best regards from NY! »

 

post a comment